Suonare uno strumento è importante

Suonare uno strumento: tutti i benefici - Yamaha Music Club

Suonare uno strumento fa bene a tutte le età, ma particolarmente ai bambini. Quali effetti ha sullo sviluppo dei giovani e come convincere i propri figli a studiare musica? Viviamo in un mondo dove la tecnologia è sempre più presente in ogni momento della giornata. Siamo tutti iper connessi e non possiamo più vivere senza dispositivi, app, internet per leggere, studiare, lavorare, incontrare amici e divertirci. Sia che si tratti di adulti, ragazzi o bambini, smartphone e videogiochi non solo hanno sostituito i vecchi giochi tramandati dai nonni, ma rischiano di prendere il posto anche delle passioni.

Pensiamo alla musica. Avere in casa uno strumento, fosse solo una chitarra, fino a qualche tempo fa era una cosa comune in molte famiglie. Il pianoforte è stato, per molto tempo, anche uno status esibito nei salotti delle persone benestanti. Uno stereo hi-fi c’era in tutte le case. Oggi, al loro posto, in casa ci sono altri totem: mega schermi tv con cui collegarsi a internet, vedere trasmissioni in streaming, navigare sui social e, forse, ascoltare musica.

Fortunatamente c’è ancora qualche mamma e papà che comunica la gioia della musica ai propri figli. Genitori che si rivolgono ai tanti maestri privati e scuole di musica diffuse nelle nostre città. La domanda che tutti dovrebbero farsi è: “perché fare studiare musica ai figli”? Non certo per trasformarli a tutti i costi in musicisti professionisti, maestri di musica o artisti famosi. Cosa per altro sempre pi˘ difficile, a dispetto dei talent che sembrano affermare il contrario.

Il punto è che studiare musica e suonare uno strumento ha ripercussioni che vanno ben oltre il mondo delle 7 note. Esistono innumerevoli ricerche che confermano come la musica abbia un ruolo importante sullo sviluppo delle capacità cognitive dei bambini. Oltre a mantenere attivo il cervello degli adulti. Ciò vale anche per un ascolto passivo. Avrete sentito parlare del cosidetto effetto Mozart, ma quello che serve è soprattutto un approccio attivo: fare musica.

Fondamentalmente la scienza ha dimostrato che i bambini che suonano uno strumento sentono ed elaborano i suoni e le informazioni in modo diverso. Non solo quelle di carattere musicale. Tutte le informazioni. Questa diversa sensibilità si trasforma anche in aumentata capacità di attenzione mentre si discute o si parla con un qualsiasi interlocutore. Se invece a parlare è un maestro o un professore, in generale risulta migliore la capacità di apprendimento. Ciò vale per tutte le materie scolastiche a tutti i livelli e potrebbe avere risvolti sociali importanti. Secondo una recente studio della Northwestern University, i bambini provenienti da classi disagiate che hanno frequentato corsi di musica hanno continuato gli studi in proporzione doppia rispetto al normale. Ma ci sono studi che mostrano come i benefici a livello scolastico si protraggano fino all’università. Molti dei migliori studenti che escono dai college più prestigiosi al mondo suonano uno strumento.

La società sembra prestare sempre meno attenzione a tutti questi aspetti correlati al fare musica. Il problema dei genitori può essere motivare e convincere i figli a studiare uno strumento. Perché sedersi davanti a un pianoforte, tenere in mano una chitarra o un violino richiede impegno, disciplina e rispetto delle regole. Probabilmente molto più che giocare con una XBox o condividere un video sui social.

Dato che la scuola in questo ambito è spesso assente, sono proprio mamma e papà le uniche persone al mondo a potere tenere alto l’interesse della musica nei bambini. Seguendo le loro preferenze sullo strumento da suonare, trovando un tipo di musica che amano e buoni insegnanti. Solo in questo modo fare musica può diventare un piacere che accompagnerà i bambini per tutta la vita. Da adulti ringrazieranno.

Chi sono – Fulvio Binetti: Musicista, compositore, autore e producer. Editore di Bintmusic.it e blogger di musica e dintorni, si occupa di consulenza nel campo della comunicazione.

Hai trovato l’articolo interessante? Lasciaci un commento.

RESTA IN CONTATTO!

Non perderti i prossimi aggiornamenti di Yamaha Music Club!

RICEVI LE NEWS