Tributo al grande jazzista Renato Sellani

3 Novembre 2018 Ore 21:00
Teatro Sociale Via Dante Alighieri 20, Busto Arsizio (MI)

“Tributo a Renato Sellani” è un concerto imperdibile, senza precedenti, con alcuni dei più grandi pianisti italiani sul palco per rendere omaggio al Maestro Renato Sellani, uno dei padri (o come si definiva lui, uno “zio”) del jazz italiano.

Sabato 3 novembre, presso il Teatro Sociale di Busto Arsizio, artisti come Dado Moroni, Danilo Rea, Enrico Pieranunzi, Riccardo Randiso, Roberto Olzer e molti altri ripercorreranno la carriera di questo grande artista, attraverso la reinterpretazione di suoi brani. Sul palco due pianoforti Yamaha: un S7X e un DC7X

Renato Sellani si è spento a Milano quattro anni fa, all’età di 88 anni, dopo una lunga e brillante carriera. Sellani è stato uno dei musicisti più importanti del movimento pianistico italiano. Nato a Senigallia nel 1926, a 32 anni si stabilì a Milano, dove ebbe la possibilità di conoscere tantissimi jazzisti americani, tra i quali Billie Holiday e Chet Baker, che lo volle al suo fianco nell’incisione dell’album Chet Baker in Milan.

Ma ha suonato con moltissimi altri artisti internazionali e italiani come Lee Konitz, Luigi Tenco, Lucio Battisti, Gino Paoli, Sarah Vaughan, Jula De Palma e Mina, guadagnandosi anche il soprannome di “pianista delle cantanti” per le sue capacità di assecondare e guidare le vocalists con cui ha lavorato. Negli anni Settanta Tino Buazzelli lo volle al suo fianco per molti suoi spettacoli, si avvicinò quindi al teatro e scrisse numerose musiche per commedie, ma fece anche l’attore.

In una sua intervista, Renato Sellani ha dichiarato di non aver mai studiato pianoforte: “Io vado nei conservatori a fare un concerto e loro non ci credono che non abbia studiato; tra l’altro, non ho mai avuto un pianoforte in vita mia. Poi, l’idea di passare 7/8 ore al giorno a studiare, come fanno i veri musicisti, e sottolineo veri, non mi ha mai allettato. Se mi viene in mente di comporre una cosa al momento, come mi è capitato oggi, allora la scrivo!”

Una personalità forte e autoironica, che cercheremo di ricordare in una serata speciale: non mancate!